Dallo Sputnik allo Shuttle

Dallo Sputnik allo Shuttle
Sellerio Editore (2008)

Nella notte del 4 ottobre 1957 Radio Mosca annunziava il lancio in orbita del primo satellite artificiale: lo Sputnik, letteralmente “compagno di viaggio”. Si dava così inizio all’era spaziale, spalancando all’uomo le porte del cosmo. Dal 1957 sono stati fatti progressi incredibili, previsti solo dai romanzi di fantascienza. Dal racconto di un astronauta, l’avventura dell’uomo nello spazio, dalla fase pionieristica a quella odierna, attraverso i numerosi successi ma, anche, le tragedie che hanno segnato il progresso dell’astronautica. Ha scritto Tsiolkowsky – il padre dell’astronautica, il primo che ha pensato a utilizzare razzi per avventurarsi nello spazio – “la Terra è la culla dell’umanità, ma non si può vivere tutta la vita in una culla”. Oggi, effettivamente, si è molto vicini alla possibilità di abbandonare la Terra. Ma la tecnologia spaziale se può condurci a vivere su altri mondi potrebbe aiutarci anche in altri settori, ad esempio nella ricerca di nuove forme di generazione dell’energia.