Benvenuto nel sito web ufficiale di

Umberto Guidoni

Astronauta - Scrittore - Divulgatore

15

mag

2019

Dopo Apollo è la volta di Artemide sulla Luna

Dopo Apollo, toccherà ad Artemide il compito di trasportare l’umanità verso il nostro satellite.

L’annuncio è stato dato dall’amministratore della NASA Jim Bridenstine che ha sottolineato come il nuovo programma lunare dell’ente spaziale americano prenderà spunto ancora una volta dalla mitologia greca.

30

mar

2019

Anche l'India punta alle Guerre Stellari

Un missile indiano ha appena distrutto un satellite in orbita

L'India ha appena sperimentato la sua nuova arma "anti-satellite". L'obiettivo era un satellite Microsat-R, del peso di 740 chilogrammi, che i tecnici indiani avevano messo in orbita qualche mese fa. La sua distruzione ha creato centinaia di pezzi di spazzatura spaziale potenzialmente pericolosi per tutti gli altri veicoli spaziali.

 

Sebbene il test di un'arma anti-satellite non sia tecnicamente illegale, vista l’assenza di regole internazionali che proibiscono la “creazione volontaria” di detriti spaziali, le sue modalità sono state criticate da diversi paesi. La scarsa trasparenza sulle operazioni, infatti, ha rappresentato una violazione dell'obbligo, previsto dal Trattato sullo Spazio Esterno del 1967, di informare tutti i paesi che potrebbero subire interferenze dannose.
 
In effetti, anche se non infrangono apertamente i trattati, questi test vanno contro lo spirito del diritto internazionale e la prassi consolidata di astenersi dallo svolgere attività spaziali che possano generare pericoli per gli altri veicoli che orbitano intorno alla Terra.
Il rischio principale è proprio quello derivante dai detriti che vengono generati: se consideriamo le enormi velocità in gioco, si vede subito che un semplice bullone può diventare un proiettile capace di mettere fuori uso un satellite di diverse tonnellate.
 
Ci sono oltre 23 mila oggetti in orbita, tra satelliti attivi, satelliti fuori servizio, pezzi di razzi e detriti prodotti da precedenti test di armi anti-satellite o da impatti imprevisti. Ad esempio, più di 3000 pezzi di detriti spaziali sono stati creati da un test “anti-satellite” che i cinesi hanno effettuato nel 2007 e più di mille sono risultati dalla collisione accidentale di un satellite russo con un satellite Iridium avvenuta nel 2009.
 
 
 
Da questo punto di vista, le autorità indiane hanno cercato di ridurre la minaccia, scegliendo di colpire un satellite che si trovava ad un'altitudine di circa 300 km, almeno cento chilometri più in basso della quota a cui orbita la Stazione Spaziale Internazionale e gran parte dei satelliti attualmente in servizio. Una quota che dovrebbe garantire che la maggior parte dei detriti rientri entro poche settimane, per essere vaporizzati dall’impatto con l’atmosfera terrestre.
 
Le autorità statunitensi hanno apertamente criticato il test “anti-satellite” dell’India, ribadendo il concetto che lo spazio dovrebbe essere usato per scopi pacifici e che la distruzione di satelliti potrebbe minacciare le attività di tutti i soggetti che operano in orbita terrestre.
 
Sembrerebbe una posizione condivisibile se non fosse per il fatto che la nuova dottrina Trump sulla superiorità degli Stati Uniti in campo spaziale, la stessa che ha portato alla creazione della Space Force, va esattamente nella direzione opposta.
 
A ben guardare, ci sono alcuni segnali preoccupanti che fanno temere un’escalation militare anche in orbita terrestre. Già oggi, le comunicazioni, l’intelligence e la capacità di intervento militare dipendono, in misura sempre maggiore, da satelliti e istallazioni orbitali. C’è il rischio che le guerre del futuro possano estendersi anche allo spazio, vere e proprie “Star Wars” assai meno “divertenti” della saga cinematografica.
 
 
Pubblicato sul Blog dell'AGI (Agenzia Giornalistica Italia) nella sezione SPAZIO:

Lascia un commento